Copyright © Studio Grafologia Forense dott.ssa Elena Donatella Gallo - Via Cesare Vignati 5, Milano - P.IVA 10624290960 - Web&Seo: InternetGrafica

La firma costituisce l’immagine che il firmatario ha di sé e che vuole trasmettere.
Quotidianamente si approva, si accetta, si certifica e si manifesta una volontà attraverso l’apposizione del proprio nome e cognome in calce ai documenti più disparati.
La firma di ognuno di noi può essere più o meno personalizzata e, rispetto al corsivo abituale impiegato nella stesura di qualsiasi testo, può apparire più o meno chiara e accurata come anche di calibro maggiore o inferiore. Ciascun individuo può, inoltre, scegliere di adottare diverse modalità di firma sulla base della tipologia e dell’importanza dell’atto che sta per sottoscrivere (ad esempio, firma per esteso e leggibile per stipulare un contratto di mutuo contrapposta ad una siglo–firma frettolosa e confusa apposta su una bolla di consegna).
La firma, in ogni caso, deve poter identificare e rappresentare chi la esegue e costituisce l’oggetto più frequente della falsificazione.
La falsificazione più ricorrente nella pratica peritale è l’imitazione e può riguardare sottoscrizioni apposte su scritture private, assegni, contratti, ricevute nonché su qualsiasi documento idoneo a far nascere obbligazioni tra le parti.
Imitare significa riprodurre più o meno fedelmente un modello di scrittura già esistente. Per tale ragione, chi intende imitare la firma altrui, tenderà a riprodurne le forme ovvero quelle caratteristiche puramente formali che la distinguono dalle altre.

 

Perizia firma contratto
Una tecnica imitativa nota in ambito peritale è quella consistente nell’appoggiare su una superficie trasparente (ad esempio il vetro di una finestra) la firma autografa da riprodurre e su quest’ultima il foglio sul quale deve comparire la firma riprodotta. Con questo procedimento, la firma autografa e quella ottenuta per imitazione saranno perfettamente sovrapponibili e la precisa sovrapponibilità di due scritti a confronto costituisce prova di falsità.
Altro metodo, altrettanto notorio, di falsificazione è quello c.d. per imitazione lenta, che si realizza mediante la riproduzione pedissequa del modello autografo. In tal caso l’imitatore, tenendo sott’occhio la firma da riprodurre, su altro foglio cerca di eseguire lo stesso tracciato grafico che segue con l’occhio. Il fine dello scrivente è riuscire ad ottenere una firma il più somigliante possibile, dal punto di vista morfologico, a quella certamente autografa.
Senza dubbio più problematico da individuare è il falso c.d. per imitazione libera o rapida poiché presuppone un accurato studio, da parte dell’imitatore, della firma autografa a sua disposizione e un successivo esercizio nel riprodurla fino a quando sentirà di aver acquisito una buona scioltezza nel movimento scrittorio. La firma imitata, conseguentemente, non presenterà le stesse caratteristiche di quella ottenuta con le tecniche di falsificazione sopra descritte poiché la riproduzione a mano libera della sottoscrizione da imitare fa sì che la firma ottenuta appaia vergata con naturalezza, spontaneità e velocità. Possono essere facilmente imitati alcuni elementi quali l’altezza delle lettere, l’inclinazione, i tratti iniziali e finali – specie se particolarmente vistosi – ma andando ad analizzare e a confrontare le particolarità della firma autografa e di quella imitata, si potranno notare differenze significative.
L’intervento del perito grafologo viene richiesto nel caso in cui si ritenga che una firma sia stata contraffatta per concludere accordi senza il reale consenso del firmatario o, più in generale, per fini illeciti.
Una circostanza frequente nella pratica peritale è la verifica di firme apposte sui contratti di fideiussione. Molto spesso, per evitare che il debitore non adempia un’obbligazione, il creditore si tutela stipulando un contratto con un terzo, detto fideiussore, il quale garantisce con il proprio patrimonio l’adempimento dell’obbligazione del debitore (c.d. debitore principale) ovvero, ai sensi dell’art. 1936 c.c., “di un’obbligazione altrui”. Con la fideiussione si aggiunge all’originario debitore un ulteriore debitore con funzione di garanzia il quale, ex art. 1944 c.c., “è obbligato in solido col debitore principale al pagamento del debito”. Le parti contrattuali sono esclusivamente il creditore e il fideiussore; tuttavia, la sottoscrizione di quest’ultimo può non essere autografa e, in tal caso, egli verrà a conoscenza dell’esistenza stessa del contratto nel momento in cui il creditore si rivolgerà al fideiussore esigendo il pagamento dell’intero debito. Il fideiussore può disconoscere la firma e richiedere l’intervento del perito grafologo per dimostrarne la non autografia.
Analogamente avviene per i contratti di lavoro; caso tipico è il disconoscimento, da parte del lavoratore, di firme apparentemente apposte dallo stesso su documenti comprovanti l’intenzione di cessare il rapporto di lavoro (false dimissioni) o l’accettazione di condizioni a lui sfavorevoli. Anche in tal caso il perito grafologo potrà dimostrare l’avvenuta falsificazione delle firme, supportando un’eventuale azione contenziosa.
Anche i contratti di acquisto di beni o servizi sono oggetto di analisi poiché possono essere sottoscritti in assenza del consenso all’acquisto da parte dell’acquirente
.

firma assegni, perizia


Un ulteriore ambito di intervento del perito grafologo è quello relativo agli assegni, per i quali va operata un’importante distinzione tra l’alterazione e la falsificazione del titolo. Si ha alterazione quando viene riscontrata la modifica intenzionale di parti dell’assegno (data, importo, beneficiario, etc.); viceversa, si definisce falsificazione la produzione di titoli non autorizzati.

Desideri mettere in luce la falsità di una firma? Contattaci.

 La Dott.ssa Elena Gallo, titolare dello Studio di Gafologia Forense, è laureata in Giurisprudenza e specializzata in Perizia Grafica Giudiziaria. Lavora come perito grafologo professionista ai sensi della legge n. 4/2013 nei procedimenti di verifica di scritture. E' socia dell'Associazione Grafologica Italiana (A.G.I.) e opera nel pieno rispetto del Codice Deontologico dell'Associazione, in vigore dal 2014.

 

Contattaci

Studio Grafologia Forense
Dott.ssa Elena Gallo
Partita Iva n. 10624290960
Via Privata Cesare Vignati 5,
20161 Milano

mail: [email protected]
tel. 02.4507.4540
cell. 333.523.19.84

Studio di Grafologia Forense dott.ssa Elena Gallo, perito grafologo, offre servizi relativi alla verifica di autenticità di firme, testamenti, manoscritti in genere, in ambito privato ed in ambito giudiziale, civile e penale. Lo Studio ha sede in Milano e fa consulenza grafologica anche in Como, Lecco, Monza Brianza, Torino, Bergamo, Brescia, Genova, Savona (perizia su firma, perizia su testamento olografo, verifica firme e sigle). La dott.ssa Elena Gallo è iscritta al Ruolo dei Periti e degli Esperti della Camera di Commercio di Milano al n.3243, è socia dell'Associazione Grafologica Italiana (A.G.I.) e dell'Associazione Grafologi Professionisti (A.G.P.).

Perito Calligrafo

La dott.ssa Gallo dello Studio di Grafologia Forense è abilitata ad operare come perito calligrafo. L'intervento del perito calligrafo è indispensabile in particolare in ambito forense per l'analisi di documenti manoscritti e la corretta identificazione della mano scrivente; autografia o eterografia di un testo manoscritto. Il perito calligrafo è così denominato in relazione al metodo di analisi storicamente definito "metodo calligrafico".

Scrittura Perizia Calligrafica

Lo Studio di Grafologia Forense ha sede in Milano ma opera per perizie calligrafiche in tutta Italia.

PERIZIA GRAFOLOGICA

Di seguito la pubblicazione di una perizia grafologica redatta della dott.ssa Elena Gallo, perito grafologo; pubblicazione disponibile online.


Questo testo riprende l'analisi di firma falsa, perizia su firma, con la verifica puntuale degli elementi caratterizzanti le scritture in verifica.

Continua...

Officina della Scrittura

Studio Grafologia Forense ha partecipato all'inaugurazione di Officina della Scrittura, un'area museale che ripercorrere la storia della scrittura dalle origini ai giorni nostri, allestita da Aurora Penne Stilografiche presso la sede di Torino.

Continua...

PECORARO: Il Golpe italiano mai raccontato

 

Si segnala dalla trasmissione Le Iene: "PECORARO: Il Golpe italiano che nessuno ha mai raccontato"
La testimonianza comprende l'analisi di documenti relativi al disastro a cura della grafologa.

Continua...

RIFORMA DEI REATI DI FALSO

Depenalizzazione dei reati di falso, Decreto Legislativo n. 7/2016. Si evidenziano le modifiche apportate agli articoli contenuti nel codice penale dedicati ai reati di falsità in atti. Abrogazione dei reati di Falsità in scrittura privata e di Falsità in foglio firmato in bianco.

Continua...

Traduci

E' possibile tradurre il sito in 70 lingue: si offre consulenza grafologica e perizia grafologica su testi scritti in lingua inglese, francese, spagnolo, cinese e altre lingue estere.

itzh-CNzh-TWenfrdeptrues
Go to top