Copyright © Studio Grafologia Forense dott.ssa Elena Donatella Gallo - Via Cesare Vignati 5, Milano - P.IVA 10624290960 - Web&Seo: InternetGrafica

Chi è il PERITO?

Analogamente a quanto accade nel processo civile, anche in ambito penale può rivelarsi necessario svolgere indagini o acquisire dati o valutazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, scientifiche o artistiche.

A tale esigenza risponde l’art. 220, comma 1, cpp il quale prevede espressamente che “La perizia è ammessa quando occorre svolgere indagini o acquisire dati o valutazioni che richiedono specifiche competenze tecniche, scientifiche o artistiche”. Lo scopo della perizia è quello di fornire al giudice cognizioni tecniche, che questi normalmente non possiede, utili alla risoluzione del caso concreto e, a tal fine, nominerà un PERITO il quale, ex art. 221, comma 1, cpp verrà scelto “tra gli iscritti in appositi albi o tra persone fornite di particolare competenza nella specifica disciplina”.

Tuttavia, “non sono ammesse perizie per stabilire l’abitualità o la professionalità nel reato, la tendenza a delinquere, il carattere e la personalità dell’imputato e in genere le qualità psichiche indipendenti da cause patologiche” (art. 220, comma 2, cpp).

L’ammissione della perizia spetta unicamente al giudice: il Pubblico Ministero o le parti private (imputato e parte civile) non hanno alcun potere dispositivo, potendo solo sollecitare l’organo giudicante a procedere in tal senso.

Anche in ambito penale, come in ambito civile, il giudice è peritus peritorum, con la conseguenza che ogni valutazione espressa dal perito non ha efficacia vincolante per il giudice, il quale potrà disattenderla motivando adeguatamente le ragioni del dissenso.

Il Codice di rito distingue:

  • il perito, nominato dal giudice ai sensi dell’art. 221, comma 1, cpp con funzione di consulente del giudice (GIP – Giudice per le indagini preliminari -, GUP – Giudice dell’udienza preliminare - o giudice dibattimentale a seconda che la perizia si svolga in sede di incidente probatorio, di udienza preliminare o in dibattimento);
  • i consulenti tecnici delle parti private (imputato e parte civile), nominati ai sensi dell’art. 225 cpp;
  • il consulente tecnico del Pubblico Ministero (ovvero il magistrato che riveste il ruolo di dominus della fase delle indagini preliminari e che promuove l’azione penale), nominato ai sensi dell’art. 359 cpp;
  • il consulente tecnico fuori dei casi di perizia, ovvero il consulente tecnico che può essere nominato da ciascuna parte ai sensi dell’art. 233 cpp quando non è stata ancora disposta alcuna perizia.

Il perito e il consulente tecnico del Pubblico Ministero, una volta nominati, hanno l’obbligo di prestare l’ufficio richiesto, salvo che ricorra un motivo di astensione.

Le specifiche attività del perito e dei consulenti tecnici sono elencate negli artt. 228 e 230 cpp.

Contattaci

Studio Grafologia Forense
Dott.ssa Elena Gallo
Partita Iva n. 10624290960
Via Privata Cesare Vignati 5,
20161 Milano

mail: [email protected]
tel. 02.4507.4540
cell. 333.523.19.84

Studio di Grafologia Forense dott.ssa Elena Gallo, perito grafologo, offre servizi relativi alla verifica di autenticità di firme, testamenti, manoscritti in genere, in ambito privato ed in ambito giudiziale, civile e penale. Lo Studio ha sede in Milano e fa consulenza grafologica anche in Como, Lecco, Monza Brianza, Torino, Bergamo, Brescia, Genova, Savona (perizia su firma, perizia su testamento olografo, verifica firme e sigle). La dott.ssa Elena Gallo è iscritta al Ruolo dei Periti e degli Esperti della Camera di Commercio di Milano al n.3243, è socia dell'Associazione Grafologica Italiana (A.G.I.) e dell'Associazione Grafologi Professionisti (A.G.P.).

Perito Calligrafo

La dott.ssa Gallo dello Studio di Grafologia Forense è abilitata ad operare come perito calligrafo. L'intervento del perito calligrafo è indispensabile in particolare in ambito forense per l'analisi di documenti manoscritti e la corretta identificazione della mano scrivente; autografia o eterografia di un testo manoscritto. Il perito calligrafo è così denominato in relazione al metodo di analisi storicamente definito "metodo calligrafico".

Scrittura Perizia Calligrafica

Lo Studio di Grafologia Forense ha sede in Milano ma opera per perizie calligrafiche in tutta Italia.

PERIZIA GRAFOLOGICA

Di seguito la pubblicazione di una perizia grafologica redatta della dott.ssa Elena Gallo, perito grafologo; pubblicazione disponibile online.


Questo testo riprende l'analisi di firma falsa, perizia su firma, con la verifica puntuale degli elementi caratterizzanti le scritture in verifica.

Continua...

Officina della Scrittura

Studio Grafologia Forense ha partecipato all'inaugurazione di Officina della Scrittura, un'area museale che ripercorrere la storia della scrittura dalle origini ai giorni nostri, allestita da Aurora Penne Stilografiche presso la sede di Torino.

Continua...

PECORARO: Il Golpe italiano mai raccontato

 

Si segnala dalla trasmissione Le Iene: "PECORARO: Il Golpe italiano che nessuno ha mai raccontato"
La testimonianza comprende l'analisi di documenti relativi al disastro a cura della grafologa.

Continua...

RIFORMA DEI REATI DI FALSO

Depenalizzazione dei reati di falso, Decreto Legislativo n. 7/2016. Si evidenziano le modifiche apportate agli articoli contenuti nel codice penale dedicati ai reati di falsità in atti. Abrogazione dei reati di Falsità in scrittura privata e di Falsità in foglio firmato in bianco.

Continua...

Traduci

E' possibile tradurre il sito in 70 lingue: si offre consulenza grafologica e perizia grafologica su testi scritti in lingua inglese, francese, spagnolo, cinese e altre lingue estere.

itzh-CNzh-TWenfrdeptrues
Go to top